“THE REUNION”: BILANCIO POSITIVO PER LA QUINTA EDIZIONE NONOSTANTE IL MALTEMPO

_ALE7851.jpg

Nonostante le avverse condizioni meteorologiche, la quinta edizione di “The Reunion” è stata comunque un successo. La pioggia caduta insistentemente da venerdì a domenica non ha scoraggiato gli appassionati delle due ruote, che non hanno rinunciato a raggiungere il leggendario Autodromo Nazionale di Monza per quello che è ormai considerato uno degli eventi di riferimento a livello europeo per il mondo delle moto cafe racer, scrambler, special e classiche. Secondo le stime degli organizzatori, la tre giorni – per la prima volta quest’anno l’evento ha avuto inizio già dal venerdì sera – ha fatto registrare in totale più di 9.000 presenze, un numero superiore alle aspettative considerato appunto il tempo che, se ha reso pressoché impossibile lo svolgimento della TAG Heuer Sprint Race, non ha impedito tuttavia ai visitatori di aggirarsi tra gli stand degli oltre 100 espositori alla ricerca di moto di tendenza e altre curiosità. “Siamo davvero contenti – ha dichiarato Matteo Adreani, ideatore dell’evento – che nemmeno la pioggia sia riuscita a rovinare la festa. Gli espositori, anche quelli che partecipavano a ‘The Reunion’ per la prima volta, sono rimasti soddisfatti. Nella giornata di sabato, un po’ più clemente dal punto di vista meteorologico, le moto sono riuscite anche a fare qualche sprint per la gioia degli spettatori che riempivano la tribuna. Si è svolta invece regolarmente la Elf Dirt Race, quest’anno veramente “dirt”. Meglio di così, insomma, non avremmo potuto fare. Da oggi siamo già al lavoro per la prossima edizione, che vogliamo far diventare ancora più internazionale, promuovendo l’evento all’estero per attrarre ancora più partecipanti e racer stranieri”.

_ALE9913.jpg

Molto forte è stata anche quest’anno la presenza del pubblico straniero grazie soprattutto alle rafforzate partnership con Sultans of Sprint – il più prestigioso e affascinante campionato europeo di accelerazione per moto vintage – oltre che con Glemseck 101 e Cafe Racer Festival, i più importanti eventi di settore a livello internazionale. Soddisfatti quindi gli oltre 100 espositori, tra cui 3 main sponsor (TAG Heuer, Elf e Continental), 13 tra le maggiori case motociclistiche (BMW Motorrad, Fantic Motor, Harley-Davidson, Husqvarna, Indian Motorcycles, Kawasaki, Magni, Mash Motors, Moto Guzzi, Royal Enfield, Triumph, Yamaha e Zero Motorcycles) e brand protagonisti del lifestyle come Proraso e Spektre Eyewear. Tantissimi anche i builder presenti, sia italiani che internazionali, tra cui i pluripremiati Abnormal Cycles, South Garage, Vibrazioni Art Design, Officine Sbrannetti, Moto Sumisura, Greaser Garage, Plan B Motorcycles, Luis Moto e Bottega Bastarda. Nulla da fare invece per le varie corse in palinsesto. Per colpa della pioggia non hanno potuto gareggiare alle varie classi della TAG Heuer Sprint Race i circa 200 iscritti, di cui 30 donne, provenienti da 15 Paesi di 4 diversi continenti. Unica eccezione, la Elf Dirt Race – sfida in un ovale di flat track per motociclette con ruote tassellate scrambler – che, nel pomeriggio di sabato, ha visto trionfare nel fango Tommaso Valentino, in sella a una Royal Enfield Himalayan. Al secondo posto si è classificato invece Michele Giacché di Officine Sbrannetti, in sella a una BMW GS 1100. Medaglia di bronzo, infine, per Adelio Lorenzin, alla guida di una Fantic Caballero 500 Flat Track. In assenza delle gare, l’attenzione dei visitatori si è concentrata tutta sulle iniziative e sulle novità presentate dagli espositori.

_ALE8667.jpg

Molta attesa c’era per le nove Yamaha XSR del programma Yard Built, sviluppate da altrettanti ‘customizer’ in arrivo da diversi Paesi in nome di una comune sfida: riportare in vita l’atmosfera del rally vintage con le creazioni XSR700 che prendono ispirazione dalle macchine Yamaha MX e Rally degli anni ’70 e ’80. Alla fine a primeggiare è stata la moto degli inglesi di Lamb Engineering. Un notevole interesse si è registrato anche per i nuovi modelli presentati, come Indian FTR 1200, Zero SR/F, Triumph Speed Twin, Kawasaki W800, Husqvarna Svartpilen e Vitpilen 701 e Fantic Caballero 500 Flat Track. Non è mancata infine la partecipazione di personaggi di rilievo, del mondo sportivo e non solo, che hanno reso l’evento ancora più appealing. Tutti pazzi, in particolare, per il campione della MotoGP Randy Mamola, presente nella duplice veste di ambassador Alpinestars e pilota Indian per la Factory Class dei Sultans of Sprint, che non si è risparmiato, firmando autografi e raccontando aneddoti allo stand dell’azienda italiana, leader al mondo per l’abbigliamento tecnico riservato ai motociclisti, alla sua prima partecipazione a “The Reunion”. Il campione di sci Giorgio Rocca, insieme a DJ Ringo, sono stati impegnati invece nella prima prova speciale dello Swank Rally di Sardegna. Alla lounge TAG Heuer non è passato inosservato invece il fascinoso attore Giulio Berruti, idolo del pubblico femminile, che si è confermato ancora una volta una fetta importante di “The Reunion”. Foltissima la rappresentanza in rosa che ha partecipato all’evento: dall’artista Aryk Old Paint alla fortissima (e bellissima) pilota Babila Capovilla, passando per le ragazze del Women Motors Bootcamp e Donne In Sella.

_ALE9323.jpg

Annunci