MXGP: PAULS JONASS SECONDO NELL’MXGP DI LOMBARDIA

pauls-jonass-rockstar-energy-husqvarna-factory-racing-1.jpg

Lottando contro il complicato e mutevole fondo fangoso che ha caratterizzato entrambe le manche della quarta tappa del Campionato del mondo di motocross FIM 2019, il pilota Rock Star Energy Husqvarna Factory Racing Pauls Jonass ha conquistato il suo primo podio MXGP assicurandosi una meritata seconda piazza finale. Secondo in Gara1 e terzo in Gara2, Jonass ha conquistato uno dei due podi Rockstar Energy Husqvarna, mentre l’altro è arrivato da Thomas Kjer Olsen che con il secondo posto nella classe MX2 resta in testa alla classifica di campionato. Dopo una manche di qualificazione asciutta il sabato, la prima manche del GP di Lombardia si è rivelata tutta un’altra storia. La pesante pioggia caduta durante la notte, e proseguita per l’intera giornata, ha determinato condizioni del fondo imprevedibili fin dall’inizio del Gran Premio, sia per i piloti MXGP che per i piloti MX2. Forte del duro lavoro sobbarcatosi nelle settimane precedenti al GP di Lombardia, Pauls Jonass ha realizzato due buone partenze, riuscendo a controllare un tracciato estremamente scavato. Minimizzando gli errori in Gara1, Jonass ha occupato la quarta posizione per le prime sette tornate per poi salire al terzo posto, e cinque giri più tardi al secondo. Mantenendo la posizione per gli ultimi tre giri, ha così ottenuto il suo miglior risultato dell’anno finora. Di nuovo quarto in avvio di gara, Jonass si è rapidamente portato in terza piazza in Gara2, per compiere poi 14 delle 15 tornate successive a poche lunghezze dalla seconda posizione. Andato vicino a venire sbalzato di sella dalla sua FC 450 mentre attaccava la seconda posizione nelle battute finali, Jonass ha quindi deciso di salvaguardare la sua terza piazza, che gli è valsa il primo podio MXGP in carriera con un secondo posto. Il compagno di squadra di Jonass, Arminas Jasikonis, ha vissuto un GP di Lombardia di alti e bassi. Dopo aver collezionato punteggi a due cifre in tutti i primi quattro GP della stagione, Jasikonis ha disputato un’ottima prima manche, controllando la gara e chiudendo ottimo terzo a poca distanza dal secondo classificato, Jonass. Le cose non sono purtroppo andate altrettanto bene in Gara2. A seguito di una collisione con un altro pilota a metà del rettilineo di partenza, il pilota lituano ha momentaneamente spento la moto, finendo immediatamente nelle retrovie alla prima curva. Dopo essere poi caduto sempre nel primo giro, Jasikonis ha potuto chiudere solo quindicesimo per l’ottava piazza finale. In MX2, Thomas Kjer Olsen ha corso un solido GP, conservando la tabella rossa di campionato nonostante una difficile prima manche. A seguito di una partenza problematica, infatti, in Gara1, Kjer Olsen ha chiuso il primo giro solo diciassettesimo, un pessimo punto di partenza considerando il fondo estremamente fangoso. Ma senza farsi prendere dalla fretta, Thomas si è fatto strada giro dopo giro, arrivando in ottava piazza al giro di boa per poi chiudere con un’eccellente sesta posizione finale. Confortato dalla sua velocità in Gara1, in Gara2 TKO ha evitato rischi alla prima curva, chiudendo il primo giro in quarta posizione. Rapidamente portatosi in terza, al giro numero sette ha poi realizzato il sorpasso per la seconda posizione all’ottavo giro. Gestendo nel migliore dei modi le non facili condizioni del tracciato, ha conservato la piazza d’onore che gli è valsa il secondo gradino anche sul podio.

arminas-jasikonis-rockstar-energy-husqvarna-factory-racing.jpg

Il GP di Lombardia è stato dolceamaro per il secondo pilota Rock Star Energy Husqvarna Factory Racing  MX2, Jed Beaton. Dopo aver conquistato il suo miglior piazzamento stagionale con il terzo posto di Gara1 – un toccasana per il suo morale – Jed è poi restato tranquillamente nella top 10 per gran parte della seconda manche. Dopo essere rimasto sesto dal giro numero 2 al numero 11, a causa di una caduta all’atterraggio da un salto è finito con la moto danneggiata, chiudendo diciassettesimo per la settima posizione di giornata. Nel Campionato europeo di motocross FIM EMX125, il pilota su TC 125 Kay de Wolf ha concluso decimo a Mantova con un 20-6, e si conferma quinto in classifica di campionato. Il team Rock Star Energy Husqvarna Factory Racing si preparerà ora al sesto round del Campionato del mondo di motocross FIM 2019, il MXGP del Portogallo, il prossimo 19 maggio. Pauls Jonass: “Questo weekend è stato fantastico. Penso che la manche di qualificazione, anche se non ho ottenuto il risultato che avevo sperato, sia stata davvero molto importante per me. Partire bene e correre vicino ai primi mi ha dato un sacco di fiducia, che ho portato nelle gare di oggi. La pista era fangosa, ma sono condizioni che mi piacciono, per cui mi sentivo in forma. Non ho fatto partenze perfette, ma sono riuscito a far subito qualche sorpasso ed evitare grossi errori. La seconda piazza in Gara1 è stata una sensazione straordinaria. Poi in Gara2 la pista era un po’ più mono-traiettoria, ma mi sentivo comunque bene. Penso che fossi un po’ più rapido di Bogers, ma mentre provavo a superarlo la moto si è intraversata più volte, per cui ho deciso di non rischiare oltre. Ma questo risultato finale è importantissimo non solo per il punteggio. È il mio primo podio in MXGP, mi ha permesso di salire sul podio con Cairoli… è un momento davvero speciale per me. Penso che oggi sia scattato qualcosa nel mio correre con una 450. Non sono ancora al 100%, ma mi sento molto più fiducioso e questo risultato mi dà tanta motivazione a continuare a darci dentro”. Arminas Jasikonis: “Questo GP è stato davvero speciale, ma non è andato come speravo a causa del risultato di Gara2. In Gara1 avevo fatto bene, poi però onestamente ho solo cercato di sopravvivere. Forse dopo Gara1 avevo preso le cose un po’ sottogamba: avevo trovato un buon ritmo senza commettere brutti errori, ed è stato bello avere due Rockstar Energy Husqvarna nei primi tre. Gara2 poi è stata dura. Ho dovuto spegnere la moto nel rettilineo di partenza, e da lì è stato tutto in salita. Sono anche caduto, e insomma è stata dura. Ma ho tagliato il traguardo, non mi sono fatto male e sono sempre quarto in campionato, per cui alla fine non è andata male. Cercherò di portare la mia velocità in Gara1 al prossimo GP in Portogallo”. Thomas Kjer-Olsen:“È stato un GP difficile, specialmente Gara1. Considerato che sono rimasto intruppato alla prima curva, e che ho anche dovuto cambiare occhiali, sono contento di essere riuscito a risalire fino al sesto posto. Non è il massimo dover lavorare così tanto durante la gara, ma ho cercato di mantenermi freddo e sono risalito. Sono contento di come ho guidato: la pista era rovinata, ma in un certo senso mi piaceva. In certo punti era insidiosa ma non particolarmente difficile, e il fondo parzialmente sabbioso ha fatto sì che non fosse solo fango. Poi partire bene mi ha aiutato molto, ho recuperato subito posizioni e sono stato secondo per gran parte della gara. È stato un buon weekend, e ora aspetto il Portogallo”.

jed-beaton-rockstar-energy-husqvarna-factory-racing.jpg