GOBI DESERT RALLY: L’AVVENTURA NELLE TERRE DI GENGIS KAN

9742f137-5ed1-49e1-bfe8-59ac656fa14e.jpg

Terra di popoli nomadi, dai cieli blu e dalle immense distese silenziose, la Mongolia ha lanciato il suo irresistibile richiamo: dopo l’esperienza 2018 di Roof Of The World fino ai 5600 metri dell’Himalaya in sella alle Royal Enfield, il Moto Club Pavia e la scuderia Mototrek puntano nuovamente la bussola verso oriente, proponendo, in collaborazione con il tour operator internazionale Motorcycle Expeditions, la prima edizione del Gobi Desert Rally. Non una gara, ma un appassionante rally turistico in sella a moto da enduro in quello che fu l’impero di Gengis Khan, e lungo la rotta di Marco Polo. Un paese grande cinque volte l’Italia con una popolazione di poco più di tre milioni di abitanti (di cui metà concentrati nella capitale Ulan Bator), con orizzonti infiniti dove c’è sicuramente spazio – e tanto! – per vivere un’avventura speciale. L’appuntamento è fissato per fine agosto 2019, dal 22 al 31, per un viaggio fantastico in sella alle KTM 350 EXC (moto uguale per tutti), condotti ed assistiti in totale sicurezza da staff di guide esperte. Si dorme in albergo ed anche in yurta, la tipica abitazione mobile dei nomadi, costruita con struttura portante in legno e copertura in tappeti in lana di pecora e feltro (tranquilli, è comoda!).

4ef1ef0b-dbd9-4b1e-a63f-48debbf15d7a

Sarà un tuffo nella magia e nella vastità del Deserto dei Gobi, che in lingua mongola vuol dire – pensa un po’ – luogo senza acqua: una distesa di meraviglie che dal sud del paese si estende fino in Cina: un deserto fatto di dune e rocce con aree predesertiche dove il verde brillante si infila tra le sabbie, e dove si incontrano nomadi ospitali, cammelli liberi e poco altro. Un itinerario di 1100 chilometri complessivi, pressochè tutti in fuoristrada, con tappe da 100 a 250 chilometri giornalieri. Partenza ed arrivo del rally a Dalanzadgad con trasferimento aereo andata e ritorno da Ulan Bator. Il Gobi Desert Rally è iscritto al calendario turistico della Federazione Motociclistica Italiana. Possono partecipare anche gli accompagnatori in auto (fuoristrada Hummer H3 condotti da personale dello staff). Possono iscriversi i soci FMI con tessera member, in possesso di certificazione medica per attività sportiva non agonistica. La quota d’iscrizione comprende il noleggio della moto (o il posto in auto), i pasti, i pernottamenti, l’assistenza, il carburante ed i voli interni da Ulan Bator a Dalanzadgad City e ritorno. Non comprende il volo a/r Italia – Ulan Bator. Sono ammessi al via 20 partecipanti in moto e 10 in auto. Le iscrizioni sono aperte!

73b0ac2b-ad41-4664-b903-3b328896675e.jpg